LE OPERE

La Grande Bibbia di Pietro Cavallini

La collana Tesori svelati, dedicata da Treccani alle Edizioni pregiate, si arricchisce di un'altra preziosa gemma, la magnifica Bibbia miniata ad opera di Pietro Cavallini.

Descrizione

Un capolavoro della miniatura italiana del Trecento
La collana Tesori svelati, dedicata da Treccani alle Edizioni pregiate, si arricchisce di un'altra preziosa gemma, la magnifica Bibbia miniata ad opera di Pietro Cavallini, conservata presso le Biblioteche Riunite Civica e A. Ursino Recupero di Catania (ms. A.72), che è senza dubbio uno dei più straordinari manoscritti contenenti le Sacre Scritture, prodotti nel Medioevo. La Bibbia cavalliniana miniata in oro, ritenuta una delle cinque più belle al mondo, è stata esposta fino a oggi soltanto in tre mostre a Roma (1954), Bruxelles (1965) e Catania (1990).
Essa fu eseguita tra il primo e il secondo decennio del Trecento su committenza del cardinale Landolfo Brancaccio, che vi è raffigurato in ginocchio accanto alla Crocifissione di Cristo a fol.4v., in apertura del Libro della Genesi. Il cardinale era membro della importante famiglia napoletana dei Brancaccio, che ebbe stretti rapporti con i re angioini di Napoli. Lo stemma araldico della famiglia, "in azzurro quattro branche di oro con un palo d'argento nel mezzo caricato da tre punte di merli", compare con risalto nella pagina-incipit dei Vangeli, dove si trova una spettacolare raffigurazione dell'Albero di Jesse.

Le decorazioni e le miniature della Bibbia cavalliniana
Il manoscritto di Catania è decorato con oltre 100 miniature istoriate e figurate, 167 iniziali ornate - quasi tutte con foglia d'oro - e oltre 270 calligrafiche; un corredo illustrativo dunque, assai ricco e di altissima qualità esecutiva e di materiali.
Il codice in folio consta di 440 carte (Vecchio e Nuovo Testamento, con le Epistole a Prologhi di San Girolamo) disposte su due colonne di 56 linee, di accurata scrittura gotica, con i titoli rubricati e decorata con iniziali istoriate e con fregi marginali costituiti da steli che fanno da cornice al racconto biblico, adorno di figurine umane e grottesche, spesso racchiuse in medaglioni. Le lettere istoriate sono iscritte in pannelli azzurri o aurei, spesso ripartiti in rombi rossi e azzurri, entro i quali sono iscritte crocette bianche.

Leggi tutto

dati tecnici

Volume formato
cm 26x39x9
Tiratura copie numerate a mano
699
miniature istoriate e figurate
oltre 100
Iniziali ornate in oro
167
Iniziali calligrafiche
270
commentario pagine
circa 170

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE

{url}
Tesori svelati

I Vangeli della Laurenziana

Quello che presentiamo in questo facsimile è un magnifico codice conservato nella Biblioteca Medicea Laurenziana con la segnatura Plut. 6.23: si tratta di un evangelario dell’XI-XII secolo, corredato da un sistematico apparato illustrativo. I 237 fogli contengono, infatti, 285 illustrazioni che accompagnano la narrazione evangelica, facendo sì che al testo scritto si alternino costantemente le immagini tese ad illustrarlo; ciascuno dei quattro Vangeli è inoltre preceduto da una splendida raffigurazione a piena pagina, su fondo oro, del rispettivo evangelista. Una guida preziosa alla lettura e all’interpretazione di ogni singola miniatura presente nel manoscritto è offerta proprio dal saggio della studiosa: un contributo ampio e completo che, oltre ad affrontare tutte le questioni poste dal codice – dalla datazione alla provenienza geografica, dai tratti caratterizzanti dell’apparato illustrativo al rapporto tra il testo e le immagini, senza escludere le preziosissime informazioni che si possono ricavare sull’evoluzione degli schemi e dei cicli iconografici nella pratica artistica del tempo –, presenta poi, appunto, una ad una le miniature, consentendo anche a un lettore che dovesse essere del tutto ignaro delle convenzioni figurative medievali di seguire il racconto per immagini che si svolge in parallelo a quello testuale, e apprezzare così in tutti i suoi aspetti questo straordinario manufatto librario.   Il Codice Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, Plut. 6.23 Membranaceo; sec. XI ex.-XII in.; cc. I + 212 + I’; bianche le cc. 4r, 100r, 167r; numerazione in cifre arabe. Il codice è costituito da 28 fascicoli numerati nel margine inferiore vicino al bordo esterno del primo foglio; più tardi sul primo e ultimo foglio di ogni fascicolo fu ...

{url}
Tesori svelati

Il Dante svelato dei Girolamini

Il Dante svelato dei Girolamini è un’opera con la quale Treccani intende rivelare, appunto, ai lettori uno dei manoscritti più riccamente decorati della Commedia . Il cosiddetto codice Filippino è, inoltre, fra i più notevoli esemplari della tradizione partenopea – e in generale meridionale – della grande opera di Dante. Come ben illustrato da Andrea Mazzucchi, curatore del Commentario, la Commedia ebbe infatti indubbia fortuna non solo in Toscana, ma anche nell’Italia del Sud. Ciò è dimostrato da quella che viene definita un’«amalgama» tosco-napoletana, di stampo linguistico e culturale, che si era formata a Napoli soprattutto in età angioina e che è documentata dai numerosi manoscritti e, dunque, da copisti, illustratori, commentatori e studiosi del Poema dantesco, che contribuirono a far crescere l’interesse per Dante e la sua Opera. Massimo Bray Direttore generale dell’Istituto della Enciclopedia Italiana    LE CARATTERISTICHE Volume di formato cm 19,5 x 28. Stampa dell’interno a 4 colori su carta pergamenata Stucco da gr. 190 delle Cartiere Fedrigoni. Stampa delle pagine di guardia a 4 colori su carta di pregio. La tiratura è di 999 esemplari numerati a mano da 1 a 999 più 13 esemplari non venali fuori numerazione. Legatura con copertina in materiale coagulato, stampato a caldo, con impressioni in oro a caldo sul piatto e sul dorso. Sfrangiatura manuale del blocco libro. Un prezioso Commentario, curato da Andrea Mazzucchi, illustra la storia e le caratteristiche del manoscritto. Il facsimile e il relativo Commentario sono inseriti in un elegante cofanetto, rivestito con lo stesso materiale coaugulato utilizzato per la legatura del facsimile e creato appositamente per contenere i volumi.  

{url}
Tesori svelati

Le Storie di San Francesco d'Assisi

La collana «Tesori svelati», dopo i successi di Decameron, Romanzo d’Alessandro e Notitia Dignitatum, si arricchisce di un nuovo gioiello:il facsimile del codice 55.K.2 (Rossi 17) delle Storie di San Francesco d'Assisi, risalente alla metà del XIV secolo, prontuario per la predicazione di probabile origine dominicana corredato da un Commentario, teso a fornire al lettore gli strumenti necessari per comprendere l’opera sia dal punto di vista filologico, sia da quello artistico.   il codice, anonimo, fu composto fra gli anni 1330 e il 1340, e ampiamente copiato. Nello specifico, il manoscritto corsiniano che contiene l'opera in oggetto è dotato di tre capitoli aggiuntivi, la Passione di Cristo, le Sette Tristezze e le Sette Gioie di Maria.     LE CARATTERISTICHE Riproduzione in fac-simile del codice 55.K.2 (Rossi 17) della Biblioteca dell'Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana di Roma. Volume di 96 carte I + 46 + I di formato 325 x 235 mm. 277 miniature, di cui 178 illustrano il testo dello Speculum Humanae salvationis e 49 si riferiscono a episodi della vita di San Francesco. Riproduzione Facsimilare delle dorature presenti nel codice con oro e argento in pasta, oro in polvere e oro in lamina. Stampa stocastica con inchiotri speciali ad alta pigmentazione. Legatura realizzata interamente a mano in pelle. Capitello in seta cucito a mano. Tiratura limitata di 399 esemplari numerati per la diffusione mondiale. Commentario con Saggi di Anna Candida Felici, Chiara Frugoni, Nicoletta Giovè, Marco Guado, Francesca Manzari e Michela Perino. Il commentario è di 200 pagine e contiene delle tavole fuori testo che mettono a confronto il codice con altri manoscritti. Tutte le lavorazioni del facsimile sono eseguite da botteghe e maestranze italiane ...

{url}
Tesori svelati

Le regole della cavalleria

La collana «Tesori svelati», che l’Istituto della Enciclopedia Italiana dedica ai più grandi capolavori miniati della storia occidentale, viene impreziosita dalla riproduzione in facsimile di un codice dal grande valore artistico e storico, il ms. Fr. 4274 contenente gli Statuti dell’Ordre du Saint-Esprit au Droit Désir, conservato presso la Bibliothèque nationale de France a Parigi. Un’opera prestigiosa che, oltre al fascino del mondo cavalleresco, trasmesso anche grazie all’ars illuminandi di uno dei maggiori miniatori napoletani, Cristoforo Orimina, arriva nelle case degli Italiani per offrire a esperti e appassionati un nuovo strumento per lo studio scientifico dei grandi manoscritti della storia italiana. Un capolavoro riscoperto da Treccani che, come affermato dal Direttore generale Massimo Bray, si pone da sempre l’obiettivo di regalare al pubblico «un’immagine sempre più ricca e particolareggiata delle vicende storiche e della tradizione artistica del nostro Paese». Un capolavoro che illustra codici e comportamenti del Tardo Medioevo. Alle origini delle più importanti monarchie nazionali e dei grandi signori del Rinascimento L’Ordre du Saint-Esprit au Droit Désir, noto anche come Ordine del Nodo, fu fondato nel 1352 da Luigi di Taranto, re di Gerusalemme e di Sicilia, allo scopo di subordinare al monarca i cavalieri del regno. La stesura di una raccolta di Statuti in lingua francese, a riprova dello stretto legame tra l’Ordine del Nodo e la compagnia fondata nel 1350 da Giovanni II di Francia (cugino di Luigi di Taranto), rispondeva esattamente a questa peculiare esigenza: delineare la struttura gerarchica all’interno dell’Ordine, i precetti da rispettare e le gratifiche concesse dal sovrano ai cavalieri per servizi resi e ...

Le nostre Sedi

0