LE OPERE

La Mirabile Visione

Bodleian Library - ms. Douce 134 Dal più raffinato collezionismo inglese lo straordinario manoscritto di Oxford datato 1460. Credenze, timori,speranze nel cuore della fede cristiana. Dal colore al sentimento, la testimonianza di un passaggio epocale.

Descrizione

Con la riproduzione in facsimile del ms. Douce 134 conservato presso la Bodleian Library di Oxford, l’Istituto della Enciclopedia Italiana arricchisce il patrimonio della collana «Tesori svelati» con una gemma unica nel suo genere. Si tratta di un codice in folio del XV secolo, miniato in oro, composto da 170 fogli (per un totale di 340 pagine), prodotto nella Francia sud-orientale, la cui ricchezza dell’apparato iconografico (ben 83 miniature, di cui 16 a tutta pagina) illustra un tema che ci avvicina alle celebrazioni per il settimo centenario della morte di Dante (2021). Infatti, il Douce 134 contiene il testo del Livre de la Vigne nostre Seigneur (il titolo viene dalla parabola dei lavoratori della vigna, Matteo 20, 1-16), un trattato in lingua franca sull’Anticristo, il Giudizio Universale, l’Inferno e il Paradiso, che evidenzia come il topos delle pene infernali abbia alimentato l’esegesi biblica, stimolando al contempo la fantasia degli artisti impegnati a supportarne il messaggio. Il manoscritto, arrcchito da citazioni in latino bibliche e patristiche (Agostino, Girolamo e Gregorio, Beda e Bernardo), con molte correzioni e inserzioni dell’amanuense, fu acquistato dal celebre collezionista Francis Douce nel 1823, come illustra nella Prefazione e nella Scheda codicologicaMartin Kauffmann, Direttore delle collezioni di libri antichi e rari e Curatore dei manoscritti medievali presso la Bodleian Library. Si tratta del secondo di due volumi, il primo dei quali, conservato presso la Bibliothèque Municipale di Grenoble, è stato identificato con il ms. 408 (337), che reca nel suo colophon la data «5 marzo 1463» e attesta che il secondo volume era già stato realizzato, stabilendo così per il Douce 134 un termine ante quem. Il facsimile è accompagnato, come di consueto, da un Commentario - corredato da 40 Tavole a colori -, ideato sotto la direzione scientifica di Tullio Gregory, comprendente, oltre ai già citati contributi di Kauffmann, un saggio introduttivo di Jean-Robert Armogathe sulla figura dell’Anticristo, seguito da un inquadramento di Francesco Santi a carattere storico-letterario sul Livre de la Vigne nella tradizione latino- medievale. L’analisi è completata dagli interventi di Marina Falla Castelfranchi, per la parte storico-artististica e iconologica, e di Chiara Franceschini, per l’esame delle miniature del Douce 134.

 

CARATTERISTICHE DEL FACSIMILE LA MIRABILE VISIONE
Ms. Douce 134: pergamenaceo, guardie cartacee (ff. i-iv), v + 165; Francia sud-orientale, 1460 circa
Volume mm 240 × 170 circa. Foliazione: i-v (moderna), 1-166 (originale, in numeri romani); f. 93 omesso erroneamente
(il manoscritto sicuramente non presenta una lacuna in questo punto)
Legatura con cucitura su quattro nervi, con un quinto nervo (falso) sul dorso rifoderato
Coperta di cuoio marrone decorato a secco con riquadri e rombi, con supplementare decorazione floreale incisa, montata
su assi di legno imbottite
Entrambi i piatti sono muniti di quattro borchie in ottone a forma convessa appiattita, fissate sul lato interno del piatto
Residui di chiusura a bindella e tenone: bindella recisa, ancorata sul taglio del piatto anteriore da una placchetta di ottone
fissata da quattro puntine di ferro; tenone collocato in posizione centrale sul piatto posteriore.

 

Una festa per gli occhi, una rinascita per l’anima; e proprio la cultura del Rinascimento europeo ha espresso questa autentica gemma da collezionisti raffinati. Vedere e sapere non sono solo un’associazione di idee, i due termini derivano dall’identico verbo greco: dunque la visione è una forma di conoscenza e il “visionario” è lo scopritore, il genio, il testimone. In quest’opera si raccolgono valori umani, religiosi, artistici. La sintesi è peculiare e affascinante, un possibile, ideale punto di incontro tra Dante e Giotto, collocabile prima di Michelangelo.

L’oggetto, elegante e prestigioso, costituisce una testimonianza straordinaria per la valenza storica e un autentico capolavoro per la gioia dei colori e la profondità delle suggestioni che regala.

Leggi tutto

dati tecnici

Volume formato
cm 240x170
Tiratura limitata copie numerate a mano
299
miniature eseguite nello Scriptorium del monastero della Grande Chartreuse casa madre dell’ordine dei Certosini
83

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE

{url}
Tesori svelati

I Vangeli della Laurenziana

Quello che presentiamo in questo facsimile è un magnifico codice conservato nella Biblioteca Medicea Laurenziana con la segnatura Plut. 6.23: si tratta di un evangelario dell’XI-XII secolo, corredato da un sistematico apparato illustrativo. I 237 fogli contengono, infatti, 285 illustrazioni che accompagnano la narrazione evangelica, facendo sì che al testo scritto si alternino costantemente le immagini tese ad illustrarlo; ciascuno dei quattro Vangeli è inoltre preceduto da una splendida raffigurazione a piena pagina, su fondo oro, del rispettivo evangelista. Una guida preziosa alla lettura e all’interpretazione di ogni singola miniatura presente nel manoscritto è offerta proprio dal saggio della studiosa: un contributo ampio e completo che, oltre ad affrontare tutte le questioni poste dal codice – dalla datazione alla provenienza geografica, dai tratti caratterizzanti dell’apparato illustrativo al rapporto tra il testo e le immagini, senza escludere le preziosissime informazioni che si possono ricavare sull’evoluzione degli schemi e dei cicli iconografici nella pratica artistica del tempo –, presenta poi, appunto, una ad una le miniature, consentendo anche a un lettore che dovesse essere del tutto ignaro delle convenzioni figurative medievali di seguire il racconto per immagini che si svolge in parallelo a quello testuale, e apprezzare così in tutti i suoi aspetti questo straordinario manufatto librario.   Il Codice Firenze, Biblioteca Medicea Laurenziana, Plut. 6.23 Membranaceo; sec. XI ex.-XII in.; cc. I + 212 + I’; bianche le cc. 4r, 100r, 167r; numerazione in cifre arabe. Il codice è costituito da 28 fascicoli numerati nel margine inferiore vicino al bordo esterno del primo foglio; più tardi sul primo e ultimo foglio di ogni fascicolo fu ...

{url}
Tesori svelati

Il Dante svelato dei Girolamini

Il Dante svelato dei Girolamini è un’opera con la quale Treccani intende rivelare, appunto, ai lettori uno dei manoscritti più riccamente decorati della Commedia . Il cosiddetto codice Filippino è, inoltre, fra i più notevoli esemplari della tradizione partenopea – e in generale meridionale – della grande opera di Dante. Come ben illustrato da Andrea Mazzucchi, curatore del Commentario, la Commedia ebbe infatti indubbia fortuna non solo in Toscana, ma anche nell’Italia del Sud. Ciò è dimostrato da quella che viene definita un’«amalgama» tosco-napoletana, di stampo linguistico e culturale, che si era formata a Napoli soprattutto in età angioina e che è documentata dai numerosi manoscritti e, dunque, da copisti, illustratori, commentatori e studiosi del Poema dantesco, che contribuirono a far crescere l’interesse per Dante e la sua Opera. Massimo Bray Direttore generale dell’Istituto della Enciclopedia Italiana    LE CARATTERISTICHE Volume di formato cm 19,5 x 28. Stampa dell’interno a 4 colori su carta pergamenata Stucco da gr. 190 delle Cartiere Fedrigoni. Stampa delle pagine di guardia a 4 colori su carta di pregio. La tiratura è di 999 esemplari numerati a mano da 1 a 999 più 13 esemplari non venali fuori numerazione. Legatura con copertina in materiale coagulato, stampato a caldo, con impressioni in oro a caldo sul piatto e sul dorso. Sfrangiatura manuale del blocco libro. Un prezioso Commentario, curato da Andrea Mazzucchi, illustra la storia e le caratteristiche del manoscritto. Il facsimile e il relativo Commentario sono inseriti in un elegante cofanetto, rivestito con lo stesso materiale coaugulato utilizzato per la legatura del facsimile e creato appositamente per contenere i volumi.  

{url}
Tesori svelati

Le Storie di San Francesco d'Assisi

La collana «Tesori svelati», dopo i successi di Decameron, Romanzo d’Alessandro e Notitia Dignitatum, si arricchisce di un nuovo gioiello:il facsimile del codice 55.K.2 (Rossi 17) delle Storie di San Francesco d'Assisi, risalente alla metà del XIV secolo, prontuario per la predicazione di probabile origine dominicana corredato da un Commentario, teso a fornire al lettore gli strumenti necessari per comprendere l’opera sia dal punto di vista filologico, sia da quello artistico.   il codice, anonimo, fu composto fra gli anni 1330 e il 1340, e ampiamente copiato. Nello specifico, il manoscritto corsiniano che contiene l'opera in oggetto è dotato di tre capitoli aggiuntivi, la Passione di Cristo, le Sette Tristezze e le Sette Gioie di Maria.     LE CARATTERISTICHE Riproduzione in fac-simile del codice 55.K.2 (Rossi 17) della Biblioteca dell'Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana di Roma. Volume di 96 carte I + 46 + I di formato 325 x 235 mm. 277 miniature, di cui 178 illustrano il testo dello Speculum Humanae salvationis e 49 si riferiscono a episodi della vita di San Francesco. Riproduzione Facsimilare delle dorature presenti nel codice con oro e argento in pasta, oro in polvere e oro in lamina. Stampa stocastica con inchiotri speciali ad alta pigmentazione. Legatura realizzata interamente a mano in pelle. Capitello in seta cucito a mano. Tiratura limitata di 399 esemplari numerati per la diffusione mondiale. Commentario con Saggi di Anna Candida Felici, Chiara Frugoni, Nicoletta Giovè, Marco Guado, Francesca Manzari e Michela Perino. Il commentario è di 200 pagine e contiene delle tavole fuori testo che mettono a confronto il codice con altri manoscritti. Tutte le lavorazioni del facsimile sono eseguite da botteghe e maestranze italiane ...

{url}
Tesori svelati

Le regole della cavalleria

La collana «Tesori svelati», che l’Istituto della Enciclopedia Italiana dedica ai più grandi capolavori miniati della storia occidentale, viene impreziosita dalla riproduzione in facsimile di un codice dal grande valore artistico e storico, il ms. Fr. 4274 contenente gli Statuti dell’Ordre du Saint-Esprit au Droit Désir, conservato presso la Bibliothèque nationale de France a Parigi. Un’opera prestigiosa che, oltre al fascino del mondo cavalleresco, trasmesso anche grazie all’ars illuminandi di uno dei maggiori miniatori napoletani, Cristoforo Orimina, arriva nelle case degli Italiani per offrire a esperti e appassionati un nuovo strumento per lo studio scientifico dei grandi manoscritti della storia italiana. Un capolavoro riscoperto da Treccani che, come affermato dal Direttore generale Massimo Bray, si pone da sempre l’obiettivo di regalare al pubblico «un’immagine sempre più ricca e particolareggiata delle vicende storiche e della tradizione artistica del nostro Paese». Un capolavoro che illustra codici e comportamenti del Tardo Medioevo. Alle origini delle più importanti monarchie nazionali e dei grandi signori del Rinascimento L’Ordre du Saint-Esprit au Droit Désir, noto anche come Ordine del Nodo, fu fondato nel 1352 da Luigi di Taranto, re di Gerusalemme e di Sicilia, allo scopo di subordinare al monarca i cavalieri del regno. La stesura di una raccolta di Statuti in lingua francese, a riprova dello stretto legame tra l’Ordine del Nodo e la compagnia fondata nel 1350 da Giovanni II di Francia (cugino di Luigi di Taranto), rispondeva esattamente a questa peculiare esigenza: delineare la struttura gerarchica all’interno dell’Ordine, i precetti da rispettare e le gratifiche concesse dal sovrano ai cavalieri per servizi resi e ...

Le nostre Sedi

0