10 novembre 2016

A novembre arriva la Superluna

Non c'è uomo sulla Terra che abbia visto una Luna grossa e luminosa simile a quella che, grazie a un raro quadro astronomico, ci sarà il prossimo 14 novembre. Si tratta della Superluna più grande e luminosa degli ultimi 68 anni.

Negli Stati Uniti medici e responsabili della sicurezza temono l'influsso che ciò potrà avere sul comportamento umano. A parte i luoghi comuni circa gli effetti su potenza sessuale, crisi epilettiche, sonnambulismo e licantropia, è difficile ignorare le statistiche sull'aumento, proprio in concomitanza del plenilunio, di crimini, suicidi, incidenti stradali, parti ed emergenze operatorie. Mentre sette e culti millenaristi sono pronti a leggere in simili eventi portentose premonizioni.

Non solo piena la notte fra il 13 e 14 novembre, già alle 22 italiane, la Luna sarà anche al perigeo, il punto più vicino alla Terra: apparirà dunque molto grossa e innescherà forti maree. A quell'ora la Luna sarà a soli 154 milioni di chilometri dal sole, di cui rifletterà pertanto appieno la luce che sarà più forte del solito. Il Sole si troverà proprio sopra il Tropico del Capricorno e i raggi cadranno perpendicolari su buona parte del pianeta.

Ricordando che la notte fra il 20 e il 21 dicembre del 1866 l'ultimo plenilunio di questo tipo ispirò Cavallo Pazzo a lanciare una riscossa dei Sioux con un massacro di giacche blu, qualche astrologo prevede grandi, analoghi eventi. I responsabili della sicurezza cercheranno di tenere d'occhio i culti, per i quali le scadenze del calendario lunare sono sempre occasione di celebrazioni e riti pagani, ma anche le sette che in una Luna tanto grossa e luminosa potrebbero leggere una conferma della fine del mondo in corrispondenza della fine del millennio; le ansie più concrete si fissano sull'impennata di eventi negativi ma ordinari, come incidenti e crimini.

Si spera comunque che il 14 novembre il cielo sia libero dalle nuvole: è atteso uno spettacolo da non perdere, con una Luna piena gigante. Raggiungerà il culmine intorno a mezzanotte e in molti faranno tardi per aspettarla. La Luna si è trovata a una distanza ancora più piccola dalla Terra nel 2008, nel 2005 e nel 1993. La distanza minima è calcolata in circa 353.400 chilometri. Ogni 19 anni l'orbita si sposta per effetto delle perturbazioni causate da altre forze gravitazionali, come quella del Sole, e di conseguenza i punti nei quali la Luna raggiunge la distanza minima (perigeo) e massima (apogeo) si spostano oscillando attorno a un punto medio.

Il 14 notte la Luna apparirà un po' più brillante e appena un po' più grande, anche se sarà in parte difficile accorgersi della differenza. Sarà soltanto un bellissimo spettacolo, assolutamente privo di catastrofici effetti collaterali.

 


0