21 settembre 2021

Firmato l’accordo di collaborazione tra Treccani e l’Università del Cile

Il 20 settembre a Roma, nella storica sede dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana, l’Università del Cile – rappresentata dal suo Rettore, Ennio Vivaldi – e il Presidente della Treccani, Franco Gallo, hanno firmato un accordo quadro di collaborazione. Entrambe le istituzioni hanno ratificato l’impegno che permetterà di sviluppare progetti congiunti in ambiti che vanno dalla pubblicazione di opere di autori cileni e italiani a progetti di scambio di accademici e specialisti in aree in cui l’Italia vanta rilevanti punti di forza, come la conservazione e la gestione dei beni culturali. Per la Treccani si apre una finestra sul Sud America che le consentirà, tra l’altro, di promuovere le sue attività e pubblicazioni nel campo dell’arte e della cultura. Per Editorial Universitaria, editore di proprietà dell’università cilena, si aprirà un canale più agile di promozione in Italia per la produzione scientifica dei suoi accademici. Per la prima volta Treccani firma un accordo di collaborazione con un ente sudamericano, contribuendo così ad ampliare la collaborazione già esistente tra l’Università del Cile e varie istituzioni accademiche in Italia.

Franco Gallo (a sinistra) ed Ennio Vivaldi nella sede dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana

L’Enciclopedia Italiana nasce nel 1925 da un’idea di Giovanni Treccani e Giovanni Gentile ed è un ente di diritto privato di interesse nazionale e istituzione culturale ex l. n. 123 del 1980, attivo in ambito editoriale. La missione originaria dell’Istituto consiste nella compilazione e nell’aggiornamento dell’Enciclopedia Italiana di Scienze, Lettere ed Arti, e delle opere che possono derivarne, e nella promozione di attività e iniziative culturali volte a favorire lo sviluppo della cultura umanistica e scientifica, per rispondere a esigenze educative, di ricerca, di formazione e di servizio sociale. Treccani è Istituto indipendente anche per la parte finanziaria e, per l’importanza culturale che riveste, la nomina del suo Presidente spetta al Presidente della Repubblica.

Alle attività editoriali tradizionali Treccani affianca da tempo una consistente presenza nell’editoria digitale, con la pubblicazione di e-book, app e, soprattutto, del portale che, nel maggio 2020, è stato visitato da più di 1 milione di utenti unici al giorno, oltre che con lo sviluppo della piattaforma di didattica digitale www.treccaniscuola.it.

 

L’Università del Cile, fondata nel 1842, pochi anni dopo il consolidamento definitivo dell’indipendenza e la nascita della Repubblica nel 1818, è la naturale continuazione delle prime università organizzate al tempo della dominazione coloniale spagnola nei secoli XVII e XVIII. L’Università di San Felipe, creata nel 1747 per volontà del re Filippo V, divenne l’unica autorizzata a rilasciare gradi accademici in teologia, filosofia, diritto, matematica e medicina. Dal 1813, a causa dell’emancipazione e della lotta per l’indipendenza, iniziò un processo di trasformazione e cambiamenti che portò alla nascita dell’Università del Cile, che riprendeva la tradizione e il patrimonio accademico che si era stabilito per due secoli in questo lontano territorio del nuovo mondo. Nasce come un’istituzione pubblica, laica e libera, fortemente influenzata dagli ideali libertari della Rivoluzione francese. A differenza di altre case di studio, l’Università del Cile divenne uno degli assi centrali nella costruzione del nuovo Stato, essendo responsabile della creazione di istituzioni che resistono fino ad oggi, essendo sempre presente nelle questioni trascendentali della storia del Cile.

 

L’accordo firmato tra la Treccani e l’Università del Cile consolida anche i legami storici, culturali e politici di lunga data tra Italia e Cile. Una forte presenza italiana si stabilì nel territorio cileno dalla fine del XVIII e XIX secolo, composta da artigiani, agricoltori, commercianti, architetti, musicisti, ingegneri e uomini d’affari, che hanno lasciato la loro impronta nel Paese.  Nel XX secolo, durante i terribili anni della dittatura militare, migliaia di cileni trovarono in Italia un luogo dove ricostruire le loro vite, realizzarsi professionalmente e crescere i propri figli. Oggi, questi legami storici si rafforzano con la firma dell’accordo di cooperazione tra la Treccani e l’Università del Cile.

 

Massimo Bray

Direttore Generale dell’Istituto della Enciclopedia Italiana

 

Fernando Ayala

Subdirector de Desarrollo Estratégico y Relaciones Institucionales en Universidad de Chile

 

Immagine di copertina: La Biblioteca dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana

© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0