24 aprile 2020

Crisi

 

Non tanto quelle dei mercati finanziari, che sono spesso cicliche ed eteroindotte, ma quelle delle organizzazioni, che siano esse aziende, associazioni, ministeri o interi Stati. In quest’accezione, le crisi sono quasi sempre prevedibili, mediante un’accurata simulazione di scenario. Ma l’essere umano, per inettitudine o per scaramanzia, preferisce quasi sempre non affrontare il problema in tempo utile, non immaginare scenari di crisi, non inventare strumenti adeguati a fronteggiarle, perché fa più comodo “occuparsene quando deflagrano”, con il risultato che a quel punto è troppo tardi: panico, approssimazione, carenza di soluzioni, rattoppi, e quindi, in definitiva, disastri. 

Dal latino crisis, dal greco krisis (κρίσις), ‘scelta, decisione’, termine affermatosi poi in lingua italiana nel secolo XIV: un momento che separa una maniera di essere da un’altra ben differente. Anche, un’organizzazione in preda a uno stato di essere anormale e potenzialmente pericoloso, che include una sospensione delle normali e regolari abitudini. Gli inglesi, con il loro pragmatismo, direbbero: “C’è crisi quando c’è rischio per la business continuity”, ovvero quando un elemento nuovo e inaspettato - endogeno o esogeno - mette a rischio la continuità degli affari.

Ma il più ispirante dei significati del lemma “crisi” ci arriva - ed è intrigante e paradossale, in epoca di Coronavirus - proprio dalla Cina, se consideriamo che il logogramma che la definisce include due simboli, quello relativo alla parola paura e quello relativo alle parole punto cruciale, momento opportuno, occasione: che la crisi non sia allora un’opportunità per cambiare e cambiarci, rimettendo al centro lo straordinario, dirompente potere delle relazioni?

 

* Insegna Reputation Management e Relazioni pubbliche all’Università LUMSA di Roma

 

Immagine: Nuovo sviluppo e rinnovamento emergente da un vecchio albero abbattuto. Piantina che cresce nel tronco di un albero come rappresentazione della costruzione del futuro . Crediti: Sanit Fuangnakhon / Shutterstock.com
 

© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0