10 febbraio 2014

Frank Lloyd Wright, fra orizzontale e verticale

Ideatore del concetto di ‘architettura organica’, della necessità di un radicamento delle strutture architettoniche nella natura, nel paesaggio, nei materiali e nelle esigenze di vita delle persone che le avrebbero abitate, Wright fu molto sensibile al tema dell’espansione urbana, al dibattito sui possibili e vivibili modelli di crescita delle città. Non senza tensioni e contraddizioni, alla ricerca di un equilibrio che, insieme agli edifici e alle strutture abitative, ipotizzasse e proponesse modelli di comunità umana. Frank Lloyd Wright and the city: density vs. dispersal, la mostra al Moma di New York organizzata per celebrare l’acquisizione congiunta da parte del museo e della Columbia University dell’archivio di Wright, documenta proprio il complesso rapporto dell’architetto statunitense con l’idea di città, attraverso disegni, filmati e modelli in grande scala. In esposizione il plastico del progetto Broadacre City, che intendeva contrapporsi al modello di crescita cittadina concentrato e congestionato creato dall’industrializzazione e dall’immigrazione, proponendo invece una soluzione di urbanizzazione ‘estesa’ del paesaggio, con abitazioni unifamiliari dotate di un acro di terreno, mercati, centri civici, scuole e altre infrastrutture, con le vie di comunicazione modulate sul paesaggio, secondo l’andamento del terreno. Una dimensione quasi utopistica di espansione orizzontale che sembrava voler superare la tradizionale contrapposizione tra area urbanizzata e campagna. Eppure Wright non fu insensibile alle tentazioni della verticalità, sperimentando soluzioni innovative in diversi progetti: dal San Francisco Call Building del 1912 alle St. Mark’s-in-the-Bouwerie Towers (1927-31) a Manhattan fino al grattacielo Mile-High pensato per Chicago nel 1956. Così come tentò di individuare regole sull’altezza e la disposizione degli edifici a molti piani per ottimizzare la luce, per restituire comunque una dimensione umana e concreta a qualsiasi forma di insediamento.


0