07 agosto 2015

La storia di una grande civiltà: l’Iran

Il Centro per la Grande Enciclopedia Islamica, presieduto da Kazem Musavi Bojnurdi, ha recentemente pubblicato una monumentale Storia comprensiva dell’Iran (Tarikh-e Jame’-e Iran). Questo imponente lavoro è stato curato da Hassan Rezai Baghbidi e Mahmoud Jafari Dehaghi per la parte preislamica e da Sadegh Sajjadi per la parte islamica, chiamando a raccolta le migliori menti del Paese e non solo. La complessa redazione, iniziata decenni or sono, ha prodotto un’articolata esposizione, che affronta temi di storia politica, economica, sociale e culturale, il cui unico precedente esempio è costituito dalla Cambridge History of Iran. L’opera è il prodotto di una profonda riflessione, ispirata da intellettuali quali Iraj Afshar, Sharafoddin Khorasani, Enayatollah Reza, Seyed Javad Tabatabai e Fatollah Mojtabai, che hanno concepito una narrazione continua, nella quale si uniscono il periodo antico e quello islamico, due parti di un'unica storia. Quest’ispirazione unitaria ricorda i lavori di Alessandro Bausani, che in particolare nel suo grande affresco Persia Religiosa individua temi comuni a tutta la storia del pensiero delle genti iraniche.

Si tratta della prima volta che un’opera di tale ambizione e complessità viene pubblicata in Iran, in lingua persiana. La maggior parte degli autori sono iraniani, anche se non mancano i contributi di studiosi occidentali. Tra gli italiani troviamo i nomi di Pierfrancesco Callieri, Carlo Cereti, Matteo Compareti, Grazia Giovinazzo, Tommaso Gnoli, Antonio Panaino e Paola Orsatti.

Il Centro è una delle più importanti istituzioni culturali della Repubblica Islamica d’Iran e ha un accordo di collaborazione con l’Istituto della Enciclopedia Italiana, che mira a mettere a confronto le due esperienze, studiando il ruolo che la cultura enciclopedica e l’editoria d’élite possono avere nel mondo contemporaneo e sviluppando al contempo più efficaci strategie per l’editoria elettronica.

L’istituzione presieduta da Bojnurdi dedica una grande attenzione allo studio e alla comprensione del mondo iranico e dell’universo islamico, costituendo così un’importante chiave di accesso per quanti in Europa vogliano meglio capire quanto avviene in quella vasta area eurasiatica che dal Mediterraneo giunge alle estreme coste dell’Oceano Pacifico.

 


0