12 maggio 2022

Le parole dell’ambiente al Festival Treccani della lingua italiana

#leparolevalgono - Festival Treccani della lingua italiana rappresenta un importante appuntamento annuale ideato dalla Fondazione Treccani Cultura e dedicato alla ricerca e alla riflessione sulla lingua italiana e sulla sua costante evoluzione, con una particolare attenzione alle sensibilità del mondo giovanile. Il tema portante della quarta edizione in programma dal 13 al 15 maggio 2022 a Lecce saranno ‘le parole dell’ambiente’. Il Festival, in collaborazione con il Comune di Lecce, la Regione Puglia, il Teatro pubblico pugliese, la Rai, le scuole del territorio, si articolerà per tre giorni nella suggestiva cornice del Complesso degli Agostiniani, attraverso incontri a tema, spettacoli, laboratori didattici rivolti agli studenti della scuola secondaria di secondo grado e momenti di formazione per i docenti.

A partire dal patrimonio della ricerca linguistica Treccani, gli esperti e gli artisti che hanno dato la loro disponibilità al confronto contribuiranno a offrire un approfondimento del decisivo tema ambientale, nelle sue molteplici declinazioni, attraverso parole in grado di restituircene la complessità. Si affronteranno i temi legati ai rischi e alle opportunità per l’ambiente, in questa epoca di difficoltà e di cambiamenti, sottolineando la traiettoria delle parole che tracciano i confini di nuovi problemi. Quindi, come nella tradizione delle precedenti edizioni del Festival che sono state proposte a Lecco nel 2019 e nel 2021, una particolare attenzione all’evoluzione della lingua, osservata quest’anno anche attraverso il filtro prezioso della musica dal vivo. In un’epoca affollata di parole, spesso utilizzate per nascondere e non per mostrare, assediata dalle grida, utili ad aggredire piuttosto che a dialogare, l’impegno di Treccani attraverso occasioni come il Festival è quello di sottolineare l’importanza dell’uso consapevole delle parole, della riflessione, del confronto.

L’equilibrio tra il genere umano e l’ambiente naturale è sempre stato rilevante nell’accompagnare lo sviluppo delle comunità; questo rapporto trasformandosi presenta criticità e opportunità ma rimane comunque imprescindibile. Allo stesso modo, l’uso distorto delle parole, per aggredire l’altro o per nascondere la verità, può avvelenare le sorgenti della nostra vita civile. Per questo è importante, anche attraverso la ricerca e l’approfondimento, sottolineare che le parole valgono e sono l’ambiente naturale in cui può vivere e svilupparsi la democrazia.

 

Immagine: Piazza del Duomo, Lecce (5 settembre 2016). Crediti: Giuseppe Milo [Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)], attraverso www.flickr.com

Argomenti
0