30 luglio 2021

America ribelle?

Sin dai tempi di Túpac-Amaru, passando per i Libertadores della lotta contro la colonia spagnola, Pancho Villa ed Emiliano Zapata in Messico, per arrivare fino a Che Guevara e le rivoluzioni centroamericane degli anni Ottanta, nell'immaginario internazionale l'America Latina è sinonimo di ribellione e lotta. Eppure, si tratta del continente più disuguale del mondo, dove il 10% più ricco della popolazione concentra il 37% della ricchezza prodotta. E quindi, la terra ribelle e indomita, è un mito di cui si è nutrito il cosiddetto primo mondo, o una realtà che vive nei corpi e nelle braccia dell'America Latina?

Ne parliamo con Fulvia Zegna e Andrea Cegna.

 

 

Andrea Cegna è un giornalista senza tessera, frequentatore dell’America Latina, viaggiatore, attivista sociale. Redattore di Radio Onda d’Urto, collaboratore di Manifesto e Radio Popolare, autore di due libri e un documentario sul Messico e il Chiapas. Nel marzo 2020 ha fondato il sito di informazione OlaAmericana.info.

 

Fulvia Zega è una storica, dottore di ricerca in Studi Americani presso l’Università Roma Tre e docente di Storia dell’America Latina presso l’Università di Genova. È stata visiting professor in diverse università del Brasile. Le sue ricerche si concentrano sugli autoritarismi latinoamericani ed europei, sull’antisemitismo e sulle politiche migratorie. È esperta di visual and iconic studies e in particolare dell’uso della vignetta satirica e della fotografia come fonti per la storia politica latinoamericana. Il suo ultimo libro è Il mondo sotto la svastica. Migrazioni e politica in Argentina e Brasile, Aracne, Roma 2018.

 

                           TUTTI I PODCAST DEL PROGETTO MACONDO

 

Immagine: Un ritratto di Che Guevara dipinto su un muro a L’Avana Vecchia, Cuba (20 maggio 2015). Crediti: Kamira / Shutterstock.com

© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0