8 luglio 2021

Grazie al potere del K-pop si rafforza il legame tra Corea e Indonesia

 

Il Korean pop, per tutti K-pop, è progressivamente diventato uno dei più imponenti e affascinanti fenomeni globali del nostro tempo. La fama di band come BTS, BlackPink, EXO, BIGBANG, Twice ha velocemente oltrepassato i confini nazionali, prima, e regionali, poi, fino a raggiungere il mercato americano, dove il K-pop era sostanzialmente prerogativa delle varie Koreatown, e quello europeo, territorio pressoché sconosciuto per questa forma di intrattenimento.

Rimanendo nel continente asiatico, si potrebbe dire che il K-pop è stato un importante strumento per la giovane democrazia di Seoul, reduce da decenni di dittatura sanguinaria e repressiva. I due fenomeni, infatti, sono quasi coincidenti, e il sound del pop coreano ha iniziato a diffondersi nel resto del continente sin dalla metà degli anni Novanta, diventando un rassicurante biglietto da visita per la cultura coreana nella regione. I Paesi inizialmente più esposti furono quelli più vicini, quindi Giappone, Cina, Taiwan (e, sebbene indirettamente, la Corea del Nord), ma il fenomeno arrivò ben presto anche nei Paesi più meridionali, conquistandoli con la consueta velocità. Di conseguenza, fu ben presto chiaro come il K-pop potesse diventare un importante strumento di soft power regionale, prima in termini culturali e poi in termini economici, e come potesse trasformarsi nell’ideale grimaldello per le chaebol sudcoreane, permettendo loro di diventare dominanti negli emergenti mercati del Sud-Est asiatico.

L’Indonesia rappresenta un interessante caso studio di questa tendenza. L’industria dell’intrattenimento coreana ha iniziato la sua ascesa alla fine degli anni Dieci del Duemila, per consolidare la sua crescita nel decennio successivo, quando le produzioni televisive e musicali provenienti da Seoul divennero parte integrante della cultura pop indonesiana. Di conseguenza, oggi l’Indonesia è uno dei più floridi mercati per il K-pop, e l’adorazione frenetica per BTS e BlackPink (che non mancano mai di toccare Jakarta nei loro tour) ha raggiunto il suo apice. Di conseguenza, non c’è mai stato un terreno migliore per le grandi aziende coreane, che sostanzialmente devono solamente associarsi alle più famose idol band e raccogliere i frutti della loro fama catalizzatrice.

Le principali produttrici di elettronica ed elettrodomestici, come Samsung e LG Electronics, ma anche importanti aziende nel settore cosmetico e del beauty, come Nature Republic, LG Household & Health Care, Amore Pacific. Il comune denominatore delle strategie commerciali di tutte queste aziende è l’aver scelto dei componenti di una K-pop band come testimonial e brand ambassador globali, particolare che le ha velocemente portate a scalare la gerarchia delle preferenze dei consumatori indonesiani. Una strategia che è stata ben presto adottata, con ottimi risultati tra l’altro, da diverse aziende indonesiane: Tokopedia, principale e-commerce locale, ha recentemente messo sotto contratto sia i BTS che le BlackPink come brand ambassador. Questa campagna promozionale ha ben presto dato i propri frutti, permettendo a Tokopedia di diventare leader del settore a discapito del competitor singaporiano Sea Group’s Shopee.

La scelta vincente operata da Tokopedia è basata su dati e tendenze difficili da ignorare. Il fandom indonesiano è in costante crescita, così come il livello di engagement rilevato sulle varie piattaforme social. Un rappresentante stampa della JYP, uno dei principali colossi dell’industria dell’intrattenimento coreana, ha dichiarato che l’Indonesia è stabilmente ai primi posti nel computo del numero delle visualizzazioni dei video presenti sul canale YouTube della compagnia. La JYP produce le Twice e le Itzy, due delle idol band più famose nell’arcipelago. Questo trend è riscontrabile anche su Twitter: nel mese di marzo l’azienda ha annunciato che nel 2020 sono stati digitati ben 6,7 miliardi di tweet sul K-pop, ovviamente un record e un aumento di circa il 10% rispetto all’anno precedente. Secondo i dati rilasciati da Twitter, è probabile che questo aumento sia dato dal sempre maggiore engagement generato tra i fan in Indonesia e India. Son numeri impressionanti, ma non così stupefacenti se pensiamo che l’Indonesia è un Paese molto giovane, con circa 90 milioni di persone sotto i 30 anni, che sta vivendo un vero e proprio boom digitale. In sostanza, un match perfetto per le strategie di espansione regionale dei grandi conglomerati dell’intrattenimento, seguite poi dalle altre aziende produttrici di beni di consumo.

Negli ultimi anni, Corea del Sud e Indonesia hanno costantemente rafforzato i rapporti commerciali: Seoul è uno degli attori più coinvolti per quanto riguarda gli investimenti diretti esteri nell’economia indonesiana, con circa 7,5 miliardi di dollari dal 2014. Nel 2017 l’azienda pubblica Korea Rail Network Authority ha firmato un accordo, da 500 milioni di dollari, con la JakPro per potenziare il servizio di metrotranvia nella capitale indonesiana. La cooperazione tecnologica si è estesa al settore militare, e nel 2019 la Marina militare indonesiana ha lanciato il suo nuovo sottomarino U-209 Chang Bogo-class (una classe di sottomarini caratterizzata da un ibrido diesel-elettrico), la cui progettazione e realizzazione sarebbe stata impossibile senza la partnership tra i due Paesi.

Il rapporto si è via via approfondito, sino alla firma di un importante accordo di partnership economica nel dicembre dello scorso anno, in virtù del quale la Corea del Sud eliminerà circa il 95% delle sue linee tariffarie, mentre l’Indonesia il 92%, oltre a garantire delle tariffe preferenziali per facilitare gli investimenti coreani. I principali settori interessati da questo accordo sono quello automobilistico, quello manifatturiero e quello tecnologico, soprattutto per quanto riguarda robotica e high-tech. Attualmente lo Stato arcipelagico è il 15° partner commerciale per la Corea del Sud, ma entrambi i governi sono molto fiduciosi e convinti che ci siano grandi opportunità per migliorare ulteriormente questo rapporto.

 

Galleria immagini


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0