23 aprile 2020

Le precauzioni prese in Cina per tornare al lavoro

 

A partire dalla fine di febbraio la Cina ha lavorato per ripristinare un livello il più possibile vicino alla normale attività sociale ed economica. Allo stesso tempo, nei luoghi di lavoro sono state prese rigide precauzioni. Di seguito alcune delle pratiche adottate in Cina e che potrebbero essere utili agli amici italiani.

 

Secondo quanto previsto dal governo di Shanghai le imprese devono adottare i seguenti accorgimenti prima di riprendere il lavoro.

1) Assicurarsi che vengano utilizzati adeguati dispositivi di protezione (disinfettanti, mascherine, termometri, guanti ecc.).

2) Assicurarsi che tutto il personale che ritorna sul posto di lavoro non abbia manifestato i sintomi del Coronavirus nei precedenti 14 giorni. Se possibile, condurre test diagnostici per tutti i dipendenti che rientrano al lavoro.

3) Nel caso in cui un membro del personale abbia avuto stretti contatti con chi manifesta i sintomi del Coronavirus deve anch’egli rimanere a casa.

4) Creare un team speciale responsabile della prevenzione delle epidemie prima, durante e dopo il lavoro.

 

Quali precauzioni è necessario adottare dopo aver ripreso il lavoro?

Zhong Nanshan, capo del team di esperti cinesi per il Covid-19, ha dato i seguenti suggerimenti.

1) Trasporti: limitare l’uso dei mezzi pubblici. Si consiglia vivamente di muoversi a piedi, in bicicletta o con l’auto privata.

2) Spazi aperti al pubblico: gli spazi aperti al pubblico devono essere puliti e disinfettati ogni giorno e regolarmente arieggiati. La temperatura corporea dovrebbe essere rilevata all’ingresso; le persone che hanno una temperatura superiore a 37,3 °C devono essere rimandate a casa o sottoposte a cure mediche.

3) È auspicabile ridurre il numero delle riunioni. Nel caso in cui queste siano necessarie, i partecipanti dovranno indossare mascherine e rispettare tra loro la distanza minima di un metro. Gli ambienti e le attrezzature utilizzate dovranno essere disinfettati dopo ogni incontro.

4) Uffici: gli uffici vanno fatti arieggiare almeno tre volte al giorno. È necessario lavarsi le mani frequentemente e bere molta acqua. Se in un ufficio sono presenti più persone, queste sono tenute a indossare la mascherina e ad usare tazze munite di coperchio.

5) Mense: le persone dovrebbero mangiare in momenti diversi per evitare assembramenti. Il cibo da asporto è altamente raccomandato. È necessario evitare di mangiare cibi crudi o poco cotti. Occorre prestare attenzione a rispettare il distanziamento sociale durante i pasti e lavarsi accuratamente le mani prima e dopo i pasti.

6) Ascensori: andrà evitato l’uso degli ascensori se non necessario. Occorrerà indossare la mascherina all’interno degli ascensori e lavarsi le mani dopo aver toccato la pulsantiera.

 

La ripresa del lavoro viene eseguita passo dopo passo

Prendendo la provincia di Hubei come esempio, i distretti sono stati classificati come aree ad alto, medio e basso rischio. Nelle aree ad alto rischio possono riprendere il lavoro solo le imprese fondamentali per l’attività economica e sociale. Nelle aree a medio rischio possono riprendere gradualmente a lavorare importanti imprese nei settori agricolo, manifatturiero, edile, dei servizi software e finanziario. Nelle aree a basso rischio possono riprendere a lavorare tutte le attività di mercato non incluse in un limitato elenco. L’elenco previsto comprende principalmente teatri, club, auditorium, palestre, librerie e cinema ecc. Queste attività hanno maggiori probabilità di provocare cluster di contagio e non verranno riaperte fino a quando l’epidemia non sarà completamente terminata.

 

                            TUTTI GLI ARTICOLI SUL CORONAVIRUS

 

Immagine: Effetto Coronavirus, controllo della temperatura all’ingresso di un centro commerciale. Crediti: Nomad1988 / Shutterstock.com

 


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

Argomenti
0