8 agosto 2020

Riapertura delle scuole in Cina: le misure adottate

Poiché è altamente contagioso e muta rapidamente, è impossibile eliminare completamente in breve tempo il virus causa del Covid-19. Potrebbe diventare un virus che continua a circolare a lungo, come l’AIDS. Gli esseri umani potrebbero non essere in grado di superarlo completamente e devono imparare a convivere con esso. Pertanto, dopo il picco dell’epidemia, dovremo riavviare gradualmente la vita sociale ed economica tenendo conto di questi aspetti. Altrimenti, se il blocco causato dal Covid-19 dovesse durare a lungo, sarebbero molto gravi i danni all’economia e al benessere psichico degli individui.

L’esperienza cinese mostra che, sebbene la ripresa delle attività possa portare a un aumento dei casi confermati in alcune aree, è improbabile che si verifichi la seconda ondata della pandemia di Coronavirus se si rispettano severe misure di controllo. Finora, secondo i dati del ministero della Pubblica Istruzione, più del 75% degli studenti in tutta la Cina è tornato a scuola. Il 7 luglio, un totale di 10,71 milioni di studenti cinesi hanno sostenuto l’esame annuale di ammissione all’università nazionale, che è la più grande attività collettiva organizzata dallo scoppio dell’epidemia. Come ha agito la Cina di fronte a questo problema? Come è stata gestita la riapertura delle scuole in Cina? Di seguito alcune delle procedure seguite lì che potrebbero essere utili agli amici italiani.

Studenti in fila per sostenere l’esame di ammissione all’università nazionale, Pechino, Cina (7 luglio 2020). Crediti: Fonte, China Daily

 

Secondo quanto previsto dal ministero dell’Educazione [1], la riapertura delle scuole non è senza condizioni. Sono necessari i seguenti preparativi.

 

(1) Solo alle scuole nelle aree a basso rischio è consentito riaprire, quelle nelle aree a medio e alto rischio dovranno attendere fino a quando la pandemia sarà sotto controllo.

(2) La riapertura dovrebbe avvenire passo dopo passo: prima scuole primarie e secondarie, poi università; prima i laureati, poi i non laureati.

(3) Prima della riapertura, la scuola deve assicurarsi che vi sia una dotazione adeguata di dispositivi protettivi (disinfettanti, mascherine mediche, termometri, guanti, fazzoletti ecc.) per almeno due settimane.

(4) Occorre assicurarsi che tutti gli insegnanti e gli studenti che tornano a scuola non abbiano sviluppato sintomi di Coronavirus negli ultimi 14 giorni.

(5) È opportuno istituire un team speciale che si occupi della prevenzione delle epidemie prima, durante e dopo la scuola.

(6) La scuola dovrebbe essere chiusa nuovamente se un insegnante, uno studente o un genitore viene infettato dal Coronavirus.

 

 

Quali precauzioni è necessario rispettare dopo la riapertura delle scuole? Il ministero dell’Istruzione ha pubblicato linee guida e manuali per fornire suggerimenti sulla prevenzione e il controllo del Covid-19 per università, scuole primarie e secondarie e asili. Ecco alcuni dei suggerimenti chiave [2].

 

(1) Mascherina: gli studenti e gli insegnanti delle scuole primarie e secondarie non sono tenuti a indossare mascherine e ai bambini dell’asilo è sconsigliato indossare mascherine. Gli insegnanti e gli studenti universitari sono incoraggiati a indossare maschere in luoghi pubblici affollati. Nelle aule, nelle mense e in altri luoghi affollati, tutti dovrebbero tenersi a distanza di sicurezza.

(2) Test: i test ad acido nucleico sono caldeggiati ma non richiesti per insegnanti e studenti provenienti da aree a basso rischio. Tuttavia, per coloro che provengono da aree a rischio medio e alto o con temperatura corporea anormale, è richiesto il test. Le persone a cui è stato diagnosticato il Covid-19 e che sono guarite devono essere tenute in isolamento e osservazione per altri 14 giorni prima di poter tornare a scuola.

(3) Temperatura: gli studenti sono tenuti a misurare la loro temperatura corporea almeno tre volte al giorno. La rilevazione di temperature corporee anormali e sintomi sospetti deve essere segnalata immediatamente alle autorità sanitarie. Al fine di ridurre il rischio di infezione, esistono regole rigide per l’ingresso e l’uscita dal campus e gli studenti sono incoraggiati a ridurre i viaggi non necessari.

(4) Pasti: gli studenti dovrebbero mangiare in momenti diversi per evitare assembramenti. Il cibo da asporto è altamente raccomandato. È necessario prestare attenzione a mantenere la distanza di sicurezza dagli altri durante i pasti e lavarsi accuratamente le mani prima e dopo.

(5) Aria condizionata centralizzata e docce pubbliche: è possibile utilizzare l’aria condizionata centralizzata, ma gli ambienti devono essere lasciati arieggiare ogni 2-3 ore per circa 20-30 minuti. Le docce pubbliche dovrebbero essere fatte arieggiare, pulite e disinfettate regolarmente e il numero di persone che usano le docce contemporaneamente dovrebbe essere limitato.

(6) Benessere fisico e mentale: la pandemia di Covid-19 può avere un impatto negativo sulla salute fisica e mentale degli studenti. Le scuole dovrebbero incoraggiare gli studenti a praticare sport all’aria aperta e sport individuali e garantire che essi si allenino almeno un’ora al giorno. A chi ne ha necessità dovrebbero essere forniti anche psicoterapia e consulenza professionale.

 

[1] FAQ for reopening schools under normal epidemic prevention, Ministry of Education (China), 2020-06-12.

[2] FAQ for reopening schools under normal epidemic prevention, Ministry of Education (China), 2020-06-12.

 

                              TUTTI GLI ARTICOLI SUL CORONAVIRUS

 

Immagine di copertina: Studenti mangiano durante la pausa pranzo in una scuola superiore di Wuhan, nella provincia di Hubei, Cina (6 maggio 2020). Crediti: Fonte, www.cjn.cn

 


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0