5 marzo 2018

Elezioni: successo Movimento 5 stelle e Lega

A spoglio quasi ultimato alcune indicazioni generali sui risultati della consultazione elettorale di ieri appaiono piuttosto chiare: il Movimento 5 stelle raggiunge alla Camera il 32,4% e il 31,8 % al Senato e risulta nettamente la lista più votata, vincitrice anche di pressoché tutti i collegi uninominali del Sud Italia e del versante adriatico del Centro.

La coalizione che raccoglie più consensi è quella di centrodestra, che si assesta al 37,3 alla Camera e al 37,8 al Senato e conquista la quasi totalità dei collegi uninominali del Nord e molti del versante tirrenico del Centro; al suo interno prevale la Lega con il 17,7% alla Camera e il 17,9% al Senato; Forza Italia ottiene rispettivamente il 14% e il 14,4%, Fratelli d’Italia supera di poco il 4% e Noi con l’Italia di poco l’1%.

Il Partito democratico rimane sotto la soglia del 20% (18,9% alla Camera, 19,2 al Senato); per gli alleati, +Europa supera il 2%, ma non arriva alla soglia per entrare al Parlamento, mentre le altre liste non raggiungono l’1%. Liberi e uguali sarà invece rappresentata avendo ottenuto il 3,33% dei voti.

Alla chiusura dei seggi risulta aver votato il 73,1% degli aventi diritto, facendo registrare in lieve calo rispetto alle elezioni del 2013. Ai seggi sono stati segnalati alcuni rallentamenti delle operazioni di voto, dovuti all’applicazione del nuovo sistema antifrode, che hanno provocato file e disagi.

Il calcolo e l’assegnazione dei seggi richiederà ancora parecchio tempo, ma sembra difficile che emerga una maggioranza chiara. La maggior parte degli osservatori sottolinea comunque la netta affermazione del Movimento 5 stelle, la tenuta del centrodestra dove la Lega diventa il primo partito della coalizione, la delusione del Partito democratico e del centrosinistra, i risultati sotto le aspettative della lista Liberi e uguali. In alcuni commenti della stampa estera viene messa in risalto soprattutto la crisi dei partiti tradizionali e il prevalere di forze che guardano con scetticismo all’Unione Europea.

Crediti immagine: ANSA


0