21 novembre 2018

Giudice federale contro Trump sul diritto d’asilo

Il giudice federale Jon Steven Tigar di San Francisco ha emesso lunedì 19 novembre un provvedimento restrittivo temporaneo contro la decisione dell’amministrazione Trump di sospendere il diritto di chiedere asilo da parte dei migranti che attraversano illegalmente il confine degli Stati Uniti. Il giudice si è pronunciato in seguito al ricorso dell’American Civil Liberties Union e del Center for Constitutional Rights. Il presidente Donald Trump aveva deciso il congelamento fino a novanta giorni del diritto d’asilo come risposta alla carovana di migranti in arrivo al confine tra Stati Uniti e Messico. A Tijuana la popolazione locale è scesa in piazza contro “l’invasione” dei migranti provenienti dal Centro America; nella città messicana sono già arrivate infatti 2.400 persone e si prevede un forte incremento nei prossimi giorni. Per prevenire tentativi di ingresso irregolari, gli Stati Uniti hanno installato sul confine una nuova barriera mobile di sicurezza e chiuso alcuni varchi, rendendo così difficile la vita anche ai pendolari messicani che tutti i giorni passano regolarmente il confine per recarsi al lavoro. I provvedimenti hanno probabilmente esasperato la popolazione e incrementato l’ostilità verso gli “stranieri”. Paradossalmente però le chiusure di Trump e suoi tweet aggressivi che intimano ai migranti di tornare a casa, ottengono un certo favore tra i messicani, irritati con il loro governo che ha consentito il passaggio della frontiera alla carovana proveniente dall’Honduras. 

 

Crediti immagine: Jose Carrera / Shutterstock.com

0