25 settembre 2019

Annunciato l’avvio dell’impeachment contro Trump

Nancy Pelosi, presidente della Camera ed esponente di spicco del Partito democratico, ha annunciato martedì 24 settembre l’avvio di un’inchiesta formale di impeachment contro Donald Trump per violazione della Costituzione, tradimento della sicurezza nazionale e attacco all’integrità delle elezioni. Il presidente è accusato di aver fatto pressioni su Volodymyr Zelenskij e sulle autorità ucraine perché si avviasse un’indagine sul candidato democratico alla Casa Bianca Joe Biden e su suo figlio Hunter, ex membro del consiglio di amministrazione di una società ucraina del gas. L’esponente democratica, che rappresenta la terza carica dello Stato, era piuttosto refrattaria ad una azione così radicale, sollecitata da una parte dell’opinione pubblica, poiché temeva che la competizione elettorale precipitasse su un terreno scivoloso, in cui potrebbero emergere le doti di comunicazione aggressiva di Trump. Di fronte agli ultimi sviluppi dell’‘Ucrainagate’, ha rotto gli indugi. Al centro dell’inchiesta, una telefonata del 25 luglio al presidente ucraino Zelenskij in cui Trump avrebbe parlato di Biden; secondo le inchieste del Washington Post e del New York Times, nella settimana precedente gli Stati Uniti avevano sospeso un’importante quota di aiuti finanziari destinati a spese militari a favore dell’Ucraina, un’azione che potrebbe essere vista come una forma di pressione. La risposta di Trump, affidata soprattutto ai tweet, non si è fatta attendere. Il presidente ha parlato di molestie, di false notizie e di caccia alle streghe. Su un piano più concreto, si è impegnato a rendere pubblico il testo della sua telefonata con Zelenskij, con l’intento di dimostrare che il suo comportamento è stato trasparente e corretto. Per quanto riguarda gli aiuti all’Ucraina, Trump ha annunciato che bloccherà una parte cospicua degli interventi previsti, ma per motivi indipendenti dallo scandalo; secondo Trump, è necessario che l’Europa, che è molto più coinvolta dal destino dell’Ucraina, faccia la sua parte, sostenendo finanziariamente il Paese nel suo confronto con la Russia. Lo scontro in atto sull’impeachment, al di là dei suoi esiti concreti, infiammerà il clima della lunga campagna elettorale.

 

Immagine: Nency Pelosi (4 gennaio 2019). Crediti: Michael Candelori / Shutterstock.com

0