4 aprile 2020

Per la prima volta meno pazienti in terapia intensiva!

Cala il numero di ricoverati in terapia in Italia, un dato incoraggiante legato al rallentamento dell’epidemia di Coronavirus nel nostro Paese; un segnale di stabilizzazione che però non deve indurre ad abbassare la guardia e ad allentare le restrizioni, pena in rischio di vanificare gli sforzi fatti finora. A fronte del leggero miglioramento della situazione italiana si registra invece un peggioramento del quadro globale. Sono infatti più di 5.000 i decessi registrati a livello mondiale nelle ultime 24 ore a causa del Coronavirus. Altissimo anche il numero di decessi registrato in Spagna: 809 in più di ieri, quasi 12.000 in totale. A livello globale le morti riconducibili all’epidemia di Covid-19 sono quasi 61.000, su un totale di 1.141.190 contagi, un numero in continua e costante crescita.

Secondo i dati diffusi oggi dalla Protezione civile, sono 124.632 i casi registrati dall’inizio dell’epidemia su tutto il territorio nazionale; 88.274 le persone attualmente positive, i decessi sono 15.362, 20.996 le persone guarite. I casi attualmente positivi nella sola Lombardia sono 27.220, seguono l’Emilia-Romagna con 12.523, il Piemonte con 9.693, il Veneto con 9.093, la Toscana con 5.054, le Marche con 3.497, il Lazio con 3.106, la Liguria con 2.894, la Campania con 2.496, la Puglia con 1.973, la Provincia autonoma di Trento con 1.753, la Sicilia con 1.726, l’Abruzzo con 1.356, il Friuli-Venezia Giulia con 1.336, la Provincia autonoma di Bolzano con 1.201 casi, l’Umbria con 927, la Sardegna con 789, la Calabria con 662, la Valle d’Aosta con 560, la Basilicata con 244, il Molise con 171 casi.

Secondo i dati sulla diffusione del contagio a livello globale, i casi totali sono 1.145.132, 61.568 le vittime, 235.168 le persone guarite, 181 i Paesi interessati dalla pandemia.

In Europa, dove si contano 586.825 positivi al virus, ancora grave la situazione dell’Italia, con 88.274 casi, seguita dalla Spagna con 78.773 casi, dalla Germania con 66.180, Francia con 61.650, Regno Unito con 37.455, Turchia con 20.012, Svizzera con 14.812, Paesi Bassi con 14.726, Belgio con 13.901, Austria con 9.088, Portogallo con 10.183. Fuori dal Vecchio Continente gravissima la situazione degli Stati Uniti, con 261.859 casi attualmente positivi, ancora grave quella in Iran con 32.555 casi e sempre più preoccupante quella nel principale focolaio latinoamericano, il Brasile, con 8.724 casi.

                            TUTTI GLI ARTICOLI SUL CORONAVIRUS

 

                       La diffusione del Coronavirus in Italia e nel mondo

 

 
Immagine di copertina: Effetto Coronavirus, disinfezione di un mercato come prevenzione contro l’epidemia di Covid-19, Sofia, Bulgaria (13 marzo 2020). Crediti: R R / Shutterstock.com

© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0