13 giugno 2014

Regalami la peste di peluche

“Benvenuti su GIANTmicrobes! Realizziamo animali di peluche che riproducono fedelmente i microbi, circa un milione di volte più grandi della loro dimensione reale! Sono ora disponibili: Raffreddore, Influenza, Mal di gola, Mal di stomaco, Tosse, Mal d'orecchi, Alitosi, Malattia del bacio, Piede d'atleta, Ulcera, Vita marziana, Pane e birra, Peste nera, Ebola, Batterio mangia-carne, Malattia del sonno, Cimice, Acaro, e Tarlo (e nella nostra linea Professionale: H.I.V. ed Epatite). Ogni peluche tra i 13 e i 18 cm viene fornito con un'immagine del microbo che rappresenta, corredata dalle rispettive informazioni. Non solo sono ottimi strumenti di apprendimento per genitori ed educatori, ma anche regali divertenti per chi ha senso dell'umorismo!”  L'avviso sul sito dell'azienda che ha sede in Connecticut, giantmicrobes.com, fa appello sia alla didattica che al divertimento - ammesso che le due cose vadano separate – e non è detto che sia solo una scusa per fare soldi scherzando su microrganismi che spesso causano grandi problemi: per esempio che cos'è Vita marziana? Di che razza di malattia si tratta? Si tratta di presunti fossili di nanobatteri, trovati su un meteorite ad Allan Hills (Antartide), trenta anni fa esatti, nel 1984. Simili a quelli terrestri, anche se di dimensioni più ridotte, i nanobatteri per qualche tempo hanno fatto ipotizzare che nello spazio, o meglio su Marte, si possa essere sviluppata la vita. Finché gli scienziati hanno concluso che era tutto un grande abbaglio e non a dei fossili siamo di fronte ma a delle formazioni minerali senza vita. Materia inerte. Siamo soli nell'universo, va bene, ma che cosa ce ne facevamo della compagnia di un nanobatterio? Il pupazzetto in questione è un vermicello.. rosso, ça va sans dire. I microbi giganti, un bell'ossimoro, prodotti negli Stati Uniti hanno un aspetto umanizzato, fumettistico anche se riproducono, al netto dell'estetica empatica, in modo piuttosto fedele le caratteristiche di base del microrganismo compresi dettagli di superficie come flagelli e ciglia. Per esempio il Treponoma pallidum, meraviglioso nome della sifilide, malattia artistica come nessun'altra, ha la stessa forma serpentina del virus ma è rosa... Ma a chi diavolo può venire in mente di regalare un peluche che rappresenta la sifilide? Per non parlare della peste, del colera, del dengue, del tifo, di Ebola... La clientela è rappresentata da persone che di solito comprano il muppet patogeno su Internet, per esempio su Amazon, per fare un regalo. Magari studenti che vogliono fare un regalo al professore, non necessariamente di medicina o di biologia o di farmacia... Naturalmente, a fini goliardici, le malattie veneree vanno fortissimo e oltre alla sifilide ci sono la gonorrea e il pidocchio del pube, che poi sarebbe la piattola, detta anche “crab louse” in inglese perché assomiglia a un granchietto. L'avvertenza sulla pagina del sito che riguarda questo prodotto è: “Informati prima di essere morsicato”. Tutto a fin di bene dunque. La didattica prima di tutto! Certo: un conto è regalare una piattola peluche e un altro regalare quelle vere. Del resto si chiama “regalino” questo tipo di lascito postcoitum e si è sempre detto “le (o gli) ha lasciato un regalino”. A volte – pensiamo alla sifilide - il regalino era consapevole: chi la attaccava sapeva di averla ma stava zitto. Va citato a questo proposito D'Annunzio. L'Immaginifico oltre che dalla “coazione al sublime” era affetto, per così dire, da una satiriasi che si protrarrà fino alla morte. Tra gli oggetti che sono usciti dai suoi armadi al Vittoriale e ora sono esposti c'è una sorta di lunga camicia da notte che ne copriva il corpo – nascondendone la decrepitezza acuita dalla cocaina – ma aveva un buco per la bisogna. Come racconta Giordano Bruno Guerri, presidente del Vittoriale e storico, nel suo libro La mia vita carnale (Mondadori), D'Annunzio si era preso la sifilide, aveva preso il “regalino”, e per questo aveva una cicatrice colà dove non batte il sole. Se l'amante di turno la vedeva, le raccontava che era stato un cane a morderlo lì. Poi ti stupisci che su di lui girassero leggende come quella dell'autofellatio... Peraltro i cani erano dei levrieri, razza molto mansueta, poco aggressiva e tantomeno incline a mordere membra o membri che siano, e un cimitero canino è stato loro dedicato dal Vate al Vittoriale. Tra le malattie veneree come novità spicca il fantasmino bianco della Candida, una specie di cactus albino... E c'è anche l'Hiv (ben più temuto), il virus dell'Aids, che ha un aspetto terribile, come il muso del cane nero dell'Agip schiacciato da una martellata. Una foto correda l'oggetto nella confezione. I prodotti sono divisi per categorie: oltre alle malattie veneree ci sono quelle tropicali (come il morbo di Chagas che si contrae dalle feci delle cimici, grattandosi e favorendone la penetrazione nel sangue), malattie che si contraggono all'aperto (come quella di Lyme, sempre veicolata da insetti), malattie degli animali domestici, come la rabbia e la rogna... Alt! Ma che faccia gli avranno fatto alla rogna questi pazzi del Connecticut? Il mange, rogna in inglese, pare una specie di astice ma con lo sguardo indiavolato... Nella sua categoria molto più carino l'Heartworm, che sembra un ermellino e gli hanno fatto pure un collarino col cuoricino attaccato. Ma non facciamoci ingannare dalle apparenze soprattutto quando si parla di parassiti... Nel caso specifico è la larva che entra nel cuore degli animali e vi sconsiglio di cercare una foto su Internet perché vi appariranno tremende immagini di cuori di cane infestati da filaria. Cuore di cane appunto: un Bulgakov versione horror. Pallino non col cuore umano ma pieno di fili bianchi. Ci sono poi peluche legati a patologie più innocue e meno schifose, come influenza e mal di stomaco: da regalare – perché no? - a qualche persona cara che è indisposta quando la si va a trovare... C'è pure la diarrea. Si può fare un regalo simile anche con chi ha qualcosa di appena più grave e si trova in ospedale, anche perché non si sa mai cosa portare e le solite scatole di cioccolatini si accumulano sui comodini nosocomiali. Una menzione speciale va alla peste (Black Death), il cui batterio nella realtà assomiglia a un salsicciotto, ovvero nelle foto al microscopio, e nella finzione di Giantmicrobes è una sorta di black bean, di fagiolo scuro che c'è anche nella versione “Mortimer” e impugna una falce a mo' di mietitore del Medioevo. Perché appunto con Black Death si designa non solo la peste in genere ma anche una specifica epidemia che in Europa nel XIV secolo ha decimato la popolazione, o meglio ucciso un terzo della stessa. Come altre piaghe debellate quasi del tutto (casi sporadici si verificano ancora in aree arretrate, Libia ultimamente), esistono batteri conservati in laboratorio e qui si entra nella leggenda delle armi chimiche batteriologiche. I sovietici le studiavano in segreto mentre c'è stata pure la versione “artigianale”, narrata da Maupassant nei Racconti della guerra Franco-Prussiana.Quando cioè le donne infette da sifilide o altri morbi si concedevano a plotoni di tedeschi per rendere infermi il maggior numero di soldati. Maupassant, cui qualche amante aveva lasciato il “regalino”, di sifilide è morto perdendo il senno. Non si finirebbe più di spulciare – verbo quanto mai adatto – nel sito dell'azienda americana e di pensare a possibili rimandi di diversa valenza... Peccato non ci sia lo Pseudomonas, ma solo il Trichomonas vaginalis, batterio il cui nome in italiano e ancora più in Veneto avrebbe avuto successo nella versione peluche. Può essere utile capire quali sono i microrganismi più gettonati... C'è la sezione bestseller con in testa la mononucleosi, detta più poeticamente in inglese Kissing Disease, che ha l'aspetto di una palla violacea, ma anche il raffreddore, che le somiglia ma è azzurro avendo a che fare col freddo. Va molto – a sorpresa – anche l'Escherichia coli, forse per la forma: sembra una medusa marrone... Ed è appunto segno di contaminazione fecale quando la si ritrova nei cibi, trattandosi di batterio intestinale. E poi la cimice da letto, terribile parassita che si chiama da letto perché di notte si precipita a tormentarci quando stiamo dormendo ma si annida per il resto del tempo in anfratti irraggiungibili ed è dunque difficile da debellare. Si trova negli appartamenti poco puliti, di solito... Vanno molto anche la tarma da libro, la camola da carta... Anobium punctatum il nome scientifico da cui il celebre sito di divoratori di libri: Anobii. Oltre al Kissing Disease nella sezione San Valentino c'è lo spermatozoo che ricorda il film di Woody Allen del '72, Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso, dove l'attore impersonava il seme. Ma niente somiglianza nel pupazzo sennò scattavano richieste di royalties. A qualcuno faranno storcere la bocca le new entries, come i peluche che raffigurano cellule cancerose maligne, ma lo scopo è di infondere coraggio, nella sezione si dice che il tumore può essere curato, grazie ai medicinali, e il muppet da grumo grigio si può rivoltare e diventa bianco, cioè guarisce. Finding the can in cancer è il titolo di un recente bestseller autobiografico di selfpublishing americano... E gli anglosassoni, si sa, hanno comunque il coraggio di scherzare con la morte, hanno lo humour nero, vedi Halloween. Più fantasiosa la sezione virus informatici, dove si distingue per bellezza il muppet del virus Trojan, che sembra un moicano sul piede di guerra sia pure con una livrea più tecnologica nei colori e nei motivi. Le dimensioni dei giantmicrobes variano dai dieci ai venti centimetri circa e il prezzo è in funzione della grandezza: dai dieci euro circa in su. Per stare in temi di attualità c'è anche un batterio di fantasia: la Footbal Fever, malattia che non esiste ma è solo mentale, il tifo ma nel senso calcistico. Ah dimenticavo: ma cos'è Pane e Birra di cui parla l'annuncio da cui siamo partiti? Non una malattia. Nient'altro che il lievito usato nell'alimentazione, Saccharomyces cerevisiae, il nome scientifico. C'è pure la cellula di grasso, che è consequenziale. 


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0