31 luglio 2021

L'Editoriale

Simbolo

 Il simbolo non è né allegoria né segno ma l’immagine di un contenuto che per la massima parte trascende la coscienza. (Carl Gustav Jung)

 

Come conclusione di questo anno intenso di pubblicazione, in un periodo caratterizzato dalla lontananza a causa dell’emergenza sanitaria, il webmagazine de “Il Chiasmo” ha sempre assicurato agli articolisti e ai suoi lettori una presenza e una “connessione”. Questo editoriale chiude il tema “Simbolo”.

 

Affrontato da diverse prospettive, il tema ha attraversato svariati ambiti.

 

Per la sezione Lettere e arti, l’articolo Editoria e collane editoriali come simbolo della storia culturale italiana ha sottolineato il legame tra la storia dell’editoria italiana e la storia politica, culturale e sociale del paese. A questa trattazione si sono aggiunti articoli sulla poesia, come “La tremenda pace di un sogno”: fanciullezza e altre presenze dell’irreale nella poesia di Anna Maria Ortese, che ha analizzato la presenza dell’irreale nella produzione poetica della poetessa italiana di fine novecento; o, ancora, articoli di carattere più classico, come La peregrinatio del saggio stoico e dell’umanista (prima e seconda parte), in cui si approfondisce il legame tra Seneca e Petrarca con spunti presi da varie epistole, e per approdare, infine, alla contemporaneità, con l’articolo Le vent se lève, il faut tenter de vivre, in cui si propone una riflessione sul simbolismo del vento nell’arte cinematografica di Miyazaki. Sempre in ambito artistico, Simbologia e arte cristiana ha discusso della simbologia degli animali nelle produzioni artistiche delle chiese medievali.

 

Diversi articoli hanno avuto come oggetto il settore di studio della linguistica. L’articolo Il linguaggio in simboli. Un viaggio nel formalismo tra logica e linguistica ha guardato alla semantica del linguaggio naturale, in una prospettiva a cavallo tra logica e linguistica, laddove il filo conduttore è il formalismo; diversamente, l’articolo Salvaguardare le lingue-simbolo del mondo tramite i bambini ha toccato il tema delle grandi potenzialità circa l’apprendimento linguistico in età infantile.

 

Altri articoli si sono soffermati sui temi legati alla sezione Storia e filosofia, come l’articolo Il valore simbolico del passato, in cui si sono approfondite le tematiche del passato riportato al presente e utilizzato anche in chiave politica; ma anche l'articolo a cavallo tra discipline umanistiche e sociali, come Menti naturali e menti artificiali, che analizza il Symbol Grounding Problem e le sue implicazioni per l’Intelligenza artificiale (prima e seconda parte). A tema più filosofico, nel La faticosa formazione del significato si è proposta una trattazione circa l’estetica hegeliana dai contorni più sfumati, così come esso risulta dalle ricerche degli ultimi decenni sull’argomento.

 

Di impronta storico-sociale, Francis Fukuyama e l’identità nell’era globale (prima e seconda parte) si è soffermato su temi quali la globalizzazione e la costruzione identitaria nell’era globale.

 

Infine, l’articolo a quattro mani La matematica nella “Divina Commedia” ha visto l’esposizione di alcuni elementi della grande opera dantesca a cavallo tra letteratura e matematica, attraverso l’uso di una particolare simbologia numerica.

 

A conclusione di un anno in cui "Il Chiasmo" ha sempre garantito la sua presenza, con il tema "Simbolo" si chiudono temporaneamente le pubblicazioni per un periodo di pausa estiva, per riprendere con nuove iniziative dal mese di settembre 2021.

 

Immagine da Pixabay - Libera per usi commerciali

© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0