21 gennaio 2010

Quando ci si rivolge ad una persona di sesso femminile bisogna dire “ti ho visto” o “ti ho vista”? “Ti ho incontrato” o “ti ho incontrata”?(e così per altri verbi).

Francesca Filameni

 

Nella nostra lingua, l’uso originario e più tradizionale, ancora documentato nella prosa letteraria ma presente anche nel parlato (formale e non formale), è stato quello di accordare il participio col complemento oggetto, sia nel caso in cui questo venisse dopo il participio, sia nel caso in cui lo precedesse (in forma di pronome personale o relativo). Per es.: aveva frequentata la prima elementare; Giulia, chi ti ha accompagnata a casa?; certe cose che il maestro aveva spiegate per bene.

 

Attualmente, prevale la tendenza di lasciare invariato il participio, qualunque sia la posizione in cui si trova il complemento oggetto. Peraltro, se si è in presenza di un oggetto costituito dal pronome personale (proprio come negli esempi addotti dalla signora Filameni), i casi di accordo sono ancora piuttosto frequenti. È cioè possibile trovare legittimamente sia il tipo ti ho vista (con accordo) sia il tipo ti ho visto (senza accordo), dove il pronome personale ti si riferisca a persona di sesso femminile.

 


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata