27 maggio 2019

Vista la diffusione sempre più ampia dell'utilizzo dell'asterisco come elemento egualitario in articoli e sostantivi, principalmente per indicare soggetti non binari o altre identità di genere, esiste in italiano un utilizzo neutro di articoli e sostantivi? Se io dico "Siete tutti benvenuti", "tutti" è considerabile neutro a livello grammaticale, oltre che a livello convenzionale?

L’adozione dell’asterisco al posto della vocale finale che marca il genere grammaticale, con lo scopo di riferirsi a entrambi i generi, evitando l’uso del maschile indifferenziato (il tutti della frase proposta si chiama così: maschile indifferenziato), attualmente previsto dalla norma (secondo cui cari tutti e cari colleghi vale sia per gli uomini sia per le donne), sarebbe una forma di rispetto anti-sessista degno di considerazione.

 

Tale uso dell’asterisco è però foriero di alcuni inconvenienti: il più banale e non scientifico (sotto il profilo linguistico) è che, nel caso di car*tutt*, sembra di avere a che fare con un supermercato. Il secondo inconveniente è meno soggettivo: l’effetto è molto da modulo burocratico, ricorda, anche se per contrasto, le doppie uscite maschile femminile divise da una barra: il/la || sottoscritto/a || nato/a eccetera. Il terzo inconveniente sembra più decisivo. L’asterisco si usa in tre circostanze: 1. In un testo, rinvia a una nota a piè di pagina oppure è messo dopo una firma per rinviare a una qualifica a fondo pagina, per esempio, a un articolo: Mario Rossi* > *Presidente di “Cieli puliti”. 2. In un testo, quando l’autore omette volontariamente un nome di luogo o di persona, sostituendoli con tre asterischi era nato a *** nella contea di ***. 3. Infine, si mette prima di una parola o frase per segnalare che è agrammaticale o insensata. In tutti questi casi l’asterisco funziona come un segnale, ma non incide nel corpo della parola. Invece, nel car* tutt* e simili, viene messa in gioco addirittura la morfologia, un livello cioè strutturale del sistema lingua.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata