20 giugno 2013

Salve, avrei un dubbio sulla seguente frase: "Ecco una piccola introduzione per chi vorrebbe togliersi qualche semplice dubbio a riguardo dell'indirizzo IP." mi hanno corretto la frase dicendo che bisogna usare "chi volesse" al posto di "chi vorrebbe", perché ciò esprime un dubbio. Sinceramente pensavo fosse corretta siccome la frase si rivolge a chi ha l'intenzione di fare una cosa. Vorrei sapere gentilmente quale sia la "versione" corretta.

Si tratta di due soluzioni entrambe corrette, che rispondono a esigenze sintattiche e semantiche differenti. Il congiuntivo, nella relativa in questione (introdotta da per chi), segnala un'indeterminata eventualità che potrebbe un giorno o l'altro presentarsi, in dipendenza dall'esercizio virtuale di una certa volontà da parte del soggetto. Va a questo proposito segnalato che l'uso del congiuntivo imperfetto contribuisce molto a prefigurare l'indeterminatezza dell'eventualità prospettata. L'uso del congiuntivo è bello perché si presta a esprimere notevoli sottigliezze d'animo e di pensiero. Infatti, se all'imperfetto volesse sostituiamo il presente voglia, dall'indeterminatezza dell'eventualità passiamo alla seria potenzialità, molto vicina alla realtà, che dipende da una volontà in grado di manifestarsi anche immediatamente. Come a dire: basta che tu voglia, e il gioco è fatto, ti toglierai subito il dubbio sull'indirizzo IP.
 
Se usiamo il condizionale, non sbagliamo, ma creiamo una nuova, differente prospettiva, spostando l'“angolo mentale” da cui inquadriamo la scena. Quando diciamo, in una proposizione indipendente, vorrei togliermi un dubbio, stiamo esprimendo, in forma attenuata, una determinazione del pensiero e della volontà, un proposito. Lo stesso intento possiamo riportarlo all'interno di una proposizione dipendente, come nel caso in questione.
 
 

© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0