06 luglio 2011

Volevo chiedervi un’informazione: voi descrivete la parola “egle” o “eglopside” come una pianta che dà frutti. Volevo chiedervi qual era il nome dei frutti che produce e soprattutto se sono la stessa pianta ...

Non si tratta della stessa pianta. Il fatto si evince dalla definizione che compare nei dizionari della lingua italiana, come, per esempio, il Treccani.it:
 
eglòpside sostantivo femminile [latino scientifico Aeglopsis, composto del nome del genere Aegle e -opsis]. – Genere di piante della famiglia rutacee, della Guinea; vi appartiene, con poche altre, la specie Aeglopsis chevalieri: è un arbusto spinoso, con frutto a esperidio di colore arancio, usato come portinnesto per agrumi;
 
ègle sostantivo femminile [latino scientifico Aegle, dal gr. αίγλη «chiarore»]. – Genere di piante rutacee, del gruppo degli agrumi, con una sola specie, Aegle marmelos, che cresce in India: è un albero o arbusto spinoso con foglie caduche, trifogliate, frutto rotondeggiante o piriforme, commestibile, aromatico, simile a un’arancia; fornisce un legno molto compatto, usato per costruzioni.
 
Il sostantivo femminile egle è usato sia per definire la specie, sia l’albero, sia il frutto dell’albero.

© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0