10 ottobre 2015

È corretto il termine “intraoperatoriamente”?

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:"Calibri","sans-serif"; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"Times New Roman"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

“Corretto” non è la parola più calzante da adoperare. Certo, a colpo d'occhio, intraoperatoriamente fa venire l'orticaria, per un fatto di buon gusto e di stile, per quanto d'impronta soggettiva.

 

Mette conto, però, fare qualche riflessione in più. Intanto l'avverbio e l'aggettivo dal quale deriva (intraoperatorio, da confrontare con l'inglese intraoperative) non appartengono alla lingua di tutti i giorni: chi mai si sognerebbe di dire che, facendo 125 diviso 3, intraoperatoriamente – cioè durante l'operazione – si è distratto e ha sbagliato? Intendiamo dire che intraoperatorio e intraoperatoriamente appartengono al lessico speciale della medicina.

 

Possiamo dire che in quell'àmbito i due termini hanno una loro ragion d'essere. Non si tratta di tecnicismi duri e puri, ma di tecnicismi collaterali, vocaboli che portano con sé un di più in termini di tecnicità e settorialità “percepite” rispetto al linguaggio comune. Non necessari, i due termini corroborano e rafforzano la densità tecnica e settoriale specifica del testo. Nel nostro caso, intraoperatorio equivale a 'che accade o viene eseguito al tavolo operatorio' e intraoperatoriamente vale 'accaduto o effettuato durante un'operazione' (con una certa diluizione della semantica modale). Hanno il pregio di condensare in un vocabolo una perifrasi: tra addetti ai lavori va benissimo, si risparmia tempo e ci si capisce al volo. Nella lingua di tutti i giorni non dovrebbe succedere di adoperarlo, meno che mai al medico che volesse farsi oscuro nell'eloquio e inaccessibile al cospetto dei parenti di una persona appena operata.


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0