09 settembre 2020

L'avverbio ''sempre'', secondo la definizione del Treccani, può avere due significati: 1) senza interruzione e senza fine; 2) senza interruzione. Pertanto, come faccio a capire se ''sempre'' indica continuità ininterrotta senza fine o continuità ininterrotta con termine di tempo? Per esempio, la frase ''ti amerò sempre''.

Chi ci ha scritto ha ridotto ai minimi termini la definizione delle due principali accezioni dell’avverbio sempre presenti nel Vocabolario Treccani.it. Leggendole per disteso, con il supporto delle ricche esemplificazioni della fraseologia, i margini di dubbio si restringono moltissimo: 1) Con continuità ininterrotta, senza termine di tempo (cioè senza fine, e talora senza principio); estens.(ivamente), per un tempo lunghissimo, nel passato o nel futuro; 2) Con valore temporalmente più limitato, indica spesso soltanto la continuità, la persistenza, l’immutabilità di un fatto o di una situazione, anche entro ristretti termini di tempo.

 

Saranno evidentemente il co-testo e il contesto a disambiguare il significato di sempre in questa o quell’occasione: mai dobbiamo dimenticarci che le parole vivono e significano “in contesto” e quindi nella realtà dell’uso e non nella tersa cristalleria del dizionario. Il quale si limita a registrare ed esemplificare i vari significati possibili. La vita delle parole si realizzerà poi nelle concrete frasi, dette o scritte, nello scambio comunicativo tra le persone.

 


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0