28 luglio 2021

Desidererei sapere se il termine "logistico" è usato correttamente in questo contesto: "Si è spostato dalla campagna in città per motivi logistici" (per avere le scuole dei figli e il luogo di lavoro più vicini, quindi, in definitiva, per una migliore organizzazione di vita).

Se la persona che si è spostata dalla campagna in città non è un militare in servizio, diremmo che l’aggettivo logistico è usato in modo un po’ pomposo, anche se non “scorretto”. Vero è che l’uso estensivo di logistico nell’accezione di ‘organizzativo, specie con riferimento a dislocazione e sistemazione di mezzi o efficacia di collegamenti’ si è ormai generalizzato ma è significativo che un Vocabolario attento come il Treccani.it possa sottolineare le di “sfumature scherzose” dell’uso nella lingua corrente: «Per estensione, e di solito con sfumature scherzose, relativo alla sistemazione, definitiva o provvisoria, di cose o persone in un ambiente: gli ospiti della scorsa settimana mi hanno creato qualche problema l.; dal punto di vista l. la disposizione delle camere non è molto felice».

 


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0