22 settembre 2021

Stimata Treccani, la contatto per avere una delucidazione riguardo l'espressione “inoltrare nuovamente”. Consultando la vostra enciclopedia online ho potuto accertare che nel caso di “inviare nuovamente” si può utilizzare il termine “rinviare”. Ma non sono riuscita a trovare risposta al mio dubbio riguardo all'“inoltrare”. Sarebbe corretta la parola “reinoltrare” o, come nel caso di “inviare”, sarebbe meglio scrivere “rinoltrare”?

Il prefisso ri- è tra i “mattoncini” (un prefisso, tecnicamente) più adoperati per formare nuovi verbi  (indicanti di solito la “ripetizione” di un atto), secondo un processo di fatto automatico, che non conosce rigide regole.

Mentre consiglieremmo di adoperare reinviare, perché rinviare potrebbe eventualmente creare qualche ambiguità di significato, vista la coincidenza formale con rinviare 'posticipare' (cioè “inviare oltre” e non “inviare una seconda volta” o “più volte”), nel caso di rinoltrare/reinoltrare ci sembra che la scelta possa essere lasciata al gusto del parlante/scrivente.


© Istituto della Enciclopedia Italiana - Riproduzione riservata

0